Orizzonti #49 – Lisetta Carmi

“Orizzonti #49”

Lisetta Carmi

«Non ho mai lavorato per il successo, ma per capire l’umanità»

Lisetta Carmi, classe 1924, ha trovato nella fotografia lo strumento “per provare ad entrare nel mistero dell’uomo”; ha svolto un’indagine introspettiva tesa alla ricerca della “verità della vita delle persone”; in ogni suo ritratto emerge l’anima e l’essenza di ognuno.

Animo ribelle, genovese di origini ebraiche, dedica la sua vita all’arte, prima alla musica come talentuosa pianista, poi avvicinandosi alla fotografia. La notte di San Silvestro del 1965, su invito di un amico, Lisetta entra a contatto con la comunità dei travestiti di Via del Campo a Genova. Ogni ritratto che scatta racconta della partecipazione con cui affronta l’incontro con chi non si sentiva libero di vivere la propria identità di genere: “Grazie a loro, ho imparato ad accettarmi. (…)  La mia esperienza con i travestiti mi ha fatto riflettere sul diritto che tutti abbiamo di determinare la nostra identità, sia essa quella di donna o quella di uomo, perché siamo tutti esseri umani”.

Lisetta Carmi dedica ai Travestiti un progetto duro e controverso, ritenuto a tratti scabroso, fuori dagli schemi, che l’artista porta avanti fino al 1971. “Io stessa in quel tempo ero assillata – forse a livello inconscio – da problemi d’identificazione maschile o femminile. Oggi capisco che non si trattava tanto di accettazione di uno ‘stato’ quanto di rifiuto di un ‘ruolo’. E i travestiti (o meglio, il mio rapporto con i travestiti) mi hanno aiutato ad accettarmi per quello che sono: una persona che vive senza un ruolo”.

Con “Genova Porto”, realizza un reportage di denuncia delle condizioni di lavoro degli operai. Con le immagini del cimitero di Staglieno, invece, fa emergere la dimensione autoritarissima ed erotica dei monumenti funebri; Lisetta continua ad usare la fotografia per capire il mondo, dedicandosi anche a progetti italiani ed internazionali sul paesaggio e la documentazione sociale.

Un talento singolare quello di Lisetta Carmi, capace di vivere nella musica, scorgere gli invisibili, sfidare le convenzioni ed entrare in sintonia con i tumulti dell’animo umano. 

Sito Web:

/

Testo: Dilan Giannoccaro e Cristina Carbonara

© All Pictures property of Lisetta Carmi

Condividi: