Orizzonti #51 – Alessandra Sanguinetti

Orizzonti #51 – Alessandra Sanguinetti

Alessandra Sanguinetti è nata a New York nel 1968 e ha studiato fotografia all’International Center of Photography di New York. Cresciuta in Argentina dal 1970 al 2003, nel 1999 inizia a dedicarsi a quello che diventerà il suo progetto più famoso: “The Adventures of Guille and Belinda and the Enigmatic Meaning of their Dreams”.

È un lavoro sul rapporto tra due cugine, che vivono in una fattoria a 300 km da Buenos Aires. Coltivando una relazione di intimità e fiducia con Guille e Belinda, indaga sulle fantasie e sulle paure che accompagnano le trasformazioni fisiche e psicologiche nel passaggio dall’infanzia all’età adulta. 

Con “On the Sixty Day”, il suo primo progetto, esplora il ciclo della vita e della morte all’interno delle fattorie, incentrando la sua riflessione sull’interazione tra l’uomo e gli animali destinati al macello.

ARGENTINA. Buenos Aires. 2002. Juana’s legs.

In “Palestine” lo sguardo di Alessandra Sanguinetti è rivolto ai bambini e alle conseguenze dell’occupazione nelle loro vite: la maggior parte delle fotografie sono realizzate all’interno del campo profughi di Aida.

Ha fotografato per il New York Times Magazine, LIFE, Newsweek e New York Magazine. Le sue fotografie sono incluse nelle collezioni di vari musei, tra cui il Museum of Modern Art di N.Y. e il San Francisco Museum of Modern Art.
È membro dell’agenzia Magnum dal 2007.
Vive a San Francisco.

Sito Web:

Magnum Photos

Testo: Mariella Vitale

© All Pictures property of Alessandra Sanguinetti

Condividi: