Orizzonti #55 – Cecil Beaton

Orizzonti #55 – Cecil Beaton

“Giocherella, squittisce compiaciuta, si adagia sul sofà. Si mette in bocca il gambo di un fiore, aspira una margherita come fosse una sigaretta. È una performance spontanea, improvvisata, vivace. Probabilmente finirà in lacrime.”

Così Cecil Beaton, fotografo e costumista inglese, definì Marylin Monroe dopo averla sottoposta ad un servizio fotografico. Nella sua fotografia, è facile notare la ricercatezza e la cura dedicate alla scenografia e alla composizione. Egli creava accostamenti che, seppur artificiosi, rendevano magnificamente la rappresentazione del suo estro creativo.

Cecil Beaton, nasce a Londra nel 1904 da un ricco commerciante di legname. Sin dai suoi primi approcci alla fotografia, servendosi dei propri parenti, costruisce atmosfere che avvolgono e valorizzano il soggetto ritratto. Dopo gli studi liceali si iscrive alla facoltà di architettura di Cambridge. Per la prima volta, nel 1926 vengono esposti alcuni suoi scatti in una galleria poco conosciuta di Londra. L’anno successivo viene assunto da Vogue come disegnatore ma riesce comunque a mettersi in luce anche in campo fotografico grazie alle sue qualità.

Gli anni Trenta sono fondamentali per la fotografia di Cecil Beaton; incontra alcune fra le leggende di Hollywood e realizza immagini che rimarranno nella storia come diari dell’artista in cui egli descrive il carattere e la personalità di molte celebrità.

Scenografo, costumista e artista, durante la sua carriera fotografica non si occupa soltanto del mondo della moda e dello spettacolo; esiste anche una parte dell’opera fotografica di Beaton che riguarda la seconda guerra mondiale: dal 1939 al 1945, è “fotografo ufficiale di guerra” per il “Ministero dell’informazione britannico“.

Beaton, muore a Broadchaike il 18 Gennaio 1980. E’ affascinante come egli sia riuscito a rappresentare la frivolezza del mondo dello spettacolo e allo stesso tempo, gli orrori della guerra.

Sito Web:

/

Testo: Massimo Scarabaggio e Giuseppe Antonelli

© All Pictures property of Cecil Beaton

Condividi: