Orizzonti #60 – Fan Ho

Orizzonti #60 – Fan Ho

Fan Ho nasce a Shanghai nel 1931. È stato uno dei maggiori esponenti della fotografia di strada e reportagistica asiatica. Nel corso della sua carriera vince circa 300 premi, tra mostre e concorsi in giro per il mondo.

La sua carriera fotografica inizia all’età di 14 anni quando suo padre gli regala una Kodak Brownie. Al compiere dei 18 anni, dopo essersi trasferito ad Hong Kong, acquista una Rolleiflex biottica con la quale cattura i suoi scatti più famosi.

Fan Ho attendeva pazientemente il “momento decisivo”; spesso esso era la collisione tra l’inaspettato e background ben studiati e caratterizzati da costruzioni geometriche, patterns e texture

Spesso le sue fotografie risultavano molto drammatiche dato l’utilizzo di silhouette ed una combinazione di luci e fumo; le sue location preferite erano le strade, i vicoli ed i mercati o la vita sul mare.

Il suo lavoro non è passato inosservato ai suoi tempi. Oltre ad aver vinto numerosi premi e titoli, il suo talento è stato notato anche dall’industria cinematografica, dove ha iniziato come attore per poi passare alla regia cinematografica fino al raggiungimento dei 65 anni.

“Mia moglie fotografa la famiglia. Mescolo la realtà con la fantasia nelle mie stampe. Dice che se fossi io a fotografarli, potrei distorcerli e renderli in qualche modo astratti”

Durante la sua lunga carriera ha insegnato fotografia e produzione cinematografica in una dozzina di università in tutto il mondo. Il suo lavoro è conservato in molte collezioni sia pubbliche e che private.

Ciò che ha reso i suoi lavori così intensamente umani è stato l’amore per la gente comune di Hong Kong; non ha mai avuto l’intenzione di creare una documentazione storica degli edifici e dei monumenti della città, piuttosto ha voluto catturare l’anima, le difficoltà e la resilienza dei suoi cittadini.

Sito Web:

Fan Ho

Testo: Gabriele Grillo

© All Pictures property of Fan Ho

Condividi: